21/04/11

Segnalazione: scene selezionate dalla pandemia gialla.

Vi segnalo il nuovo lavoro di Alessandro Girola, uno scrittore che conoscevo ai tempi in cui facevo lo scrittore pure io:

Scene selezionate della Pandemia Gialla

ebook in formato ePub

165 pagine, 1.99 euro (comprende 16 capitoli, 2 appendici, 19 foto)

Copertina di Luca Morandi (al quale ho rubato questa versione animata copincollando il link direttamente dal suo blog).

Impaginazione e grafica a cura di eBookAndBook

Pagina ufficiale

Link per acquistarlo

Scene selezionate ecc ecc è un libro che prende spunto da una sorta di maratona letteraria nata tra moltissimi blogger. In sostanza si parlava di un virus che trasformava la gente in zombi (qui chiamati "gialli", se non erro) e ogni blogger raccontava il proprio punto di vista della vicenda in una specie di intreccio narrativo collettivo.

Vi segnalo questo ebook per due motivi: prima di tutto perché, anche se questo ebook è stato completamente scritto dal sig. Girola, alla parte di scrittura collettiva che lo ha ispirato hanno partecipato molti blogger che conosco (uno per tutti, TIM). Valorizzare questo lavoro significa anche valorizzare un po' il loro, e mi fa piacere.

In secondo luogo, mettendo in vendita questo ebook (mentre tutti i precedenti erano distribuiti in modo gratuito) questo autore vuole - giustamente - passare oltre la visione dello scrittore autoprodotto che non "vale" come gli scrittori "veri" e che regala le sue cose, e proporre - giustamente - il proprio lavoro al pari del lavoro di qualsiasi altro autore, e per questo anche a pagamento.

Da ex-scrittore mi sento di appoggiare in pieno questo punto di vista, come del resto ho sempre fatto: il valore del libro in sé sta nel testo, nei suoi contenuti e nelle idee dell'autore. Non certo sul mezzo scelto per distribuirlo (cartaceo o digitale) e nella presenza o meno di un codice ISBN o dell'etichetta di un editore che, magari per puri ragionamenti di marketing, ha deciso di investirci qualche soldo.

Sempre da ex-scrittore rimangono tutte le mie perplessità sul mezzo ebook che spero questa iniziativa riuscirà a cancellare e con le quali comunque non vi tedio, visto che di editoria non mi interesso più e (in linea di massima) non si interessa più nemmeno chi mi legge.

Da lettore, invece, avendo acquistato il libro, confesso che ancora non l'ho letto e che è in scaletta ben dopo l'Harrison, un manuale di Medicina Interna di 5000 o non so quante pagine. Insomma dubito che saprete presto che cosa ne penso... intendo dell'ebook di Girola. Riguardo all'Harrison, a dispetto di tanti giudizi positivi che sento da ogni parte non mi pare per nulla adatto allo studio delle patologie integrate, e a meno che non siate già laureati e in cerca di un manuale da consultazione vi consiglierei di cercare altro.

Avendolo però sfogliato - e adesso parlo di nuovo dell'ebook di Girola - trovo che la realizzazione di Scene selezionate dalla pandemia gialla sia ottima, con una bellissima copertina e tante immagini che comunque personalmente in un libro non mi fanno impazzire. Lo so, sono un retrogrado tecnofobo e nemico del multimediale o di quello che vi pare. E allora? Se volete vendermi degli ebook anche voi, adesso lo sapete.

Piccolo particolare sugli acquisti online: lo store che vende l'ebook va benissimo, ma poi passare tutto sull'Iphone (il telefono è sincronizzato con un altro computer) era un tale casino che ho preferito lasciare l'ebook sul PC per una futura lettura a schermo. E lo so che è una cosa che si risolve facilmente, ma non c'ho più voglia di stare lì a smanettare appresso alle boiate che si inventa la Apple o altre tecnologie azzoppate del cappero. E pensare che un tempo avevo pure un lettore e-ink... chissà che fine avrà fatto?! ^^

Ma insomma, vabbe', chissene frega: questo Scene selezionate dalla pandemia gialla è un bel lavoro fatto anche da un sacco di gente (alla faccia dell'autore autoprodotto!) e per 2 euro non so che altro volete.

Per cui non fate gli spilorci e compratevelo!

Simone

4 commenti:

TIM ha detto...

Essendo indietro di un paio di giorni nella lettura dei blog amici, solo ora ho visto questo post in cui vengo addirittura citato 'uno per tutti' come colui che ha scritto qualcosa sulla pandemia girolana (si può dire?). Grazie tante per la fiducia! Ma come tu ben sai io sono 'uno dei tanti' e sicuramente c'è gente che è stata più efficace di me nel dare un apporto al lavoro. Però è bello sentirsi considerato da uno come Simone M. Navarra! Grazie.
Temistocle

Simone ha detto...

Eheh... che ti devo dire? Così su due piedi mi sei venuto in mente solo tu! ^^

Simone

TIM ha detto...

Troppo buono...
Temistocle

Ariano Geta ha detto...

Purtroppo è vero, senza un editore alle spalle (e quando parlo di "editore" intendo uno vero, non i tantissimi micro-editori che operano a livello di quartiere) i libri difficilmente riescono a ricever la giusta visibilità. E anche quando ci riescono, c'è talmente tanta (troppa) offerta sul mercato da risultare difficile che trovino uno spazio accettabile.
Nota finale: comunque anch'io faccio come Alex, perciò almeno ci provo.