30/01/12

Medicina a trent'anni: quarto anno, secondo quadrimestre. Esami vecchi, nuovi, e una foto di gruppo.

Da un paio di settimane è iniziato il secondo pezzo di questo quarto anno di università.

C'è un piccolo corso di Igiene e sanità pubblica, qualche lezione di Inglese, e di più corposo c'è un esame che riunisce Ematologia, Reumatologia (io non sapevo nemmeno che esistesse una specializzazione del genere) e Immunologia Clinica.

Per recuperare dalla sfiga dell'ultima sessione di esami ho deciso che preparerò quest'ultimo esame studiandolo in contemporanea alle lezioni e ai tirocini. Poi un paio di settimane prima dell'appello riprenderò Gastroenterologia, e speriamo che questa volta vada un po' meglio delle volte passate (dove se ricorderete mi hanno ripetutamente segato).

Ho deciso in sintesi di mettere da parte Urologia (uno degli esami arretrati) fino a data da destinarsi, e di concentrarmi sulle cose nuove senza però mollare del tutto la materia che avevo già preparato. Così almeno non starò lì a ripetere ancora una volta sempre e solo le stesse cose, e con un po' di fortuna potrei riuscire a recuperare parte degli esami che si sono accumulati durante il primo quadrimestre di quest'anno accademico.

Riguardo a Gastroenterologia, come già detto mi darò un paio di settimane per ripeterla (oltre ai 2 mesi e mezzo circa che ci ho già buttato sopra) ma non conto di concentrarmici troppo. L'idea è di non togliere troppo tempo a tutto il resto, perché rischio di impantanarmi sempre di più e di perdere un anno per preparare un esame solo. Così facendo invece rischierò di doverlo ripetere ancora, e alla fine il voto non sarà dei migliori, ma questo ormai lo considero un esame "andato a puttane" e sinceramente mi interessa solo di levarmelo dai piedi senza permettergli di rovinarmi la vita.

Tra l'altro da un punto di vista medico e clinico mi sembra di aver compreso abbastanza bene la materia e di sapere anche come indirizzare un eventuale paziente, e in reparto con gli specializzandi mi ero trovato benissimo... ma come dico sempre tra la pratica e gli scritti a risposta multipla c'è una bella differenza, per lo meno per come la vedo io.

Per quanto riguarda i tirocini obbligatori, questo quadrimestre abbiamo poca roba. Pensavo però di frequentare qualche reparto come al solito per conto mio, ma sono indeciso se provare qualcosa di nuovo (ci sarebbe posto a Immunologia Clinica) oppure se tornare a Medicina Interna o da qualche altra parte.

E mi rendo conto proprio ora di non avervi più detto nulla sulle due settimane in cui ho frequentato Gastroenterologia, che come dicevo tempo fa sono state molto interessanti. Per cui diciamo che prometto di parlare a breve delle mie esperienze in ospedale - sia passate che future - che penso troviate molto più interessanti di queste chiacchiere su esami e lezioni che vi faccio ogni tanto.

Ma gli esami e le lezioni sono - ahinoi - la parte più corposa della preparazione universitaria... per cui insomma: vi chiedo scusa, ma alla fine ogni tanto ci toccano pure questi post un po' noiosi.

Per farmi perdonare, vi ho messo una foto di gruppo con una (ridotta) parte dei miei colleghi di corso. Io sono quello a sinistra che sembra il professore o uno troppo fuori corso. E per la foto mi sono messo in prima fila... ma giuro che di solito sto seduto negli ultimi banchi, così il professore pure se mi vede che faccio casino non mi riconosce.



O almeno, una volta, il motivo era quello.

Simone

11 commenti:

TIM ha detto...

Beh, penso che anche se ti fossi defilato un po', vista l'altezza ti si sarebbe notato comunque! Ma quanto sei alto?

Simone ha detto...

Non so, 1 e 85? È che mangio poco e non sono cresciuto :)

Simone

La Zia ha detto...

leggo sempre ma non commento mai.
stavolta, da malata reumatica, mi urge la domanda:
com'è che ignoravi l'esistenza di reumatologia come specializzazione????
uh signur!

comunque sempre massima ammirazione per la tua scelta, l'impegno che ci metti e l'evidente talento che hai per questa difficile facoltà!

La Zia che legge e poi anche commenta

Simone ha detto...

Zia: certo... ma una specializzazione intera solo per i reumatismi?! ^^

Simone

La Zia ha detto...

Ecco, "reumatismi" è una parola che non sentivo puiù dai tempi di mia nonna.
:))

Buon lavoro, Doc!

La ReumZia.

Anonimo ha detto...

Anche io mi trovo nella tua stessa situazione, ma non ho zie carine che commentano il mio operato... mia madre quando mi vede con i libri in mano.. al momento Anatomia mi dice: ma non ti vergogni, fare la studentessa alla tua eta?
Nessuno mi capisce.


Lo sai che da noi a Tor Vergata sospendono le lezioni quando ci sono gli esami?
Esempio, dicembre nulla, febbraio nulla, è un sistema adottato da poco per evitare lo svuotamento delle aule e l'inspiegabile presenza di tutti sul foglio firme...

E.

Simone ha detto...

E: la "Zia" qui del blog non è mia zia ma "una" zia, che si firma così... anche se le sue visite mi fanno un sacco piacere in ogni caso.

Quando mi sono iscritto a medicina i miei hanno passato giornate intere a cercare di dissuadermi, e ancora qualcuno evita l'argomento o mi dice "non penserai mica di fare il medico davvero!?"

Le lezioni le sospendono in tutte le facoltà, e da noi sono proibiti gli appelli straordinari sempre per la storia della frequenza a lezione.

Per cui non credere che nessuno ti capisca... ma nemmeno che sia dura solo per te eh! ^^

Simone

Anonimo ha detto...

... se insisti e resisti,
arrivi e conquisti...
E.

Anonimo ha detto...

... se insisti e resisti,
arrivi e conquisti...
E.

Anonimo ha detto...

Sei un uomo davvero intelligente,affascinante e il senso dell' umorismo non ti manca.
Dimmi dov'è la fregatura!
Sicuramente sarai anche stronzo.


Tua lettrice

Simone ha detto...

Lettrice: eh... si mi sa che forse un po' stronzo lo sono. Ma non più della media di quelli della mia età :)

Simone