13/01/13

Seconda laurea in Medicina: i dottori bravi, e gli esami della settimana prossima.

Preferirei questo tipo di esami! :(
Domani ho una specie di scritto (uno scritto che non si chiama scritto, ma tant'è) di Anatomia Patologica.

Martedì ho una specie di mezzo esame (è un esame ma poi c'è un altro esame, perché hanno deciso così) di Medicina e Chirurgia 1.

Giovedì ho - se ho passato lo scritto che non si chiama scritto - l'orale di Anatomia Patologica.

E dopo tutto questo non è che è finita, visto che ho da fare altri esami con scritti orali e vie di mezzo varie, ma il grosso ci sta tutto questa settimana e io sono stanco assonnato stressato e anche un po' con le palle frantumate perché di leggere e rileggere e rileggere slide e libri Anatomopatologici - per poi ricordarmi una minima frazione di quello che c'è scritto - non je la faccio davvero più.

Direi quasi che la brutta settimana è già cominciata da un po' di giorni, e il culmine finale ci sarà giovedì che tutto sommato è la prova più importante. Se va tutto bene mi sarò tolto un bel malloppone e la sessione di esami avrà preso bene il via, se invece va tutto male ci sono gli altri appelli ma - come del resto succede sempre - sono già tutti sovrapposti e appiccicati e incrociati male e finirò per ammucchiare le cose ancora di più.

Non sono però preoccupato o angustiato o chissà che: il peggio è stato già l'anno scorso e queste materie sono tutte più fattibili rispetto a esami che ho fatto in passato. C'è solo un po' di amarezza per come - dopo tanto impegno da parte mia per rimanere in regola con gli esami - mi trovo regolarmente a studiare materie sovrapposte e a dare esami uno dopo l'altro in tempi ristretti. Ma è normale mettere 5 esami in un mese quando prima e dopo c'era tutto il tempo del mondo per aggiungere qualche appello? Ditemelo voi.

Mi spiace anche non poter andare in reparto: il mio professore sta in sala rossa al pronto soccorso, ma io sto qua a ripetere la classificazione istologica dei tumori dell'ovaio o - per la milionesima volta - i polipi del colon e quali soni geni mutati nelle Neoplasie Endocrine Multiple.

Mi piacerebbe tanto essere già laureato, non dover studiare per gli esami e potermi occupare seriamente della medicina che mi piace e delle cose che mi appassionano. Lo studio invece alle volte è un po' come una gabbia che ti tiene rinchiuso tra quattro cose che si ripetono all'infinito e che magari nemmeno ti piacciono.

Poi vedo chi è già medico e mi pare che tanto è sempre così: da specializzando hai esami e turni che non ti interessano. Da strutturato devi fare bene il lavoro che ti tocca. Da professore hai le lezioni, e gli studenti, e gli esami e poi tutta la burocrazia di questo mondo.

Certe volte penso che i dottori che diventano davvero bravi sono quelli che riescono a mandare a quel paese tutto quanto, a trovare magari un posto dove il lavoro coincide con le loro passioni, e a studiare quello che gli interessa e che gli serve senza dover continuamente perdere tempo a fare quello che interessa a qualcun altro.

Oppure forse ho solo studiato un po' troppo, e sto mezzo fuso. E vabbe', domani si parte e speriamo bene... e voi fatemi un in bocca al lupo! :)

Simone

17 commenti:

Anonimo ha detto...

che invidia leggendo i tuoi post.anche io sono gia laureato e lavoro da anni ma l'insoddisfazione è sempre presente.
l' anno scorso ero entrato alla triennale di igiene dentale ma ho mollato subito perche' alla fine quella laurea sarebbe stata una piccola consolazione e non avrei realizzato quello che vorrei davvero..ossia il medico.
sfortunetamente la mia eta' (34), il fatto di non aver coraggio di mollare tutto e di rovinare il rapporto con la mia compagna che gia' non condivideva la triennale (quindi figuriamoci i 6 anni + spec di medicina) non mi faranno mai realizzare questa cosa..ci avessi pensato a 20 anni

Simone ha detto...

Io ho iniziato a 33 anni, sono single ma non è che in famiglia l'avessero presa così bene... :) Alla fine bo', la "paura" era più per iniziare che per altro.

Simone

ATNO ha detto...

E insomma, ti capisco bene. Anch'io ho esami tutti vicini vicini, tra scritti e orali, e veramente non ne posso già più, anche se di 4 esami, ne ho fatto solo 1 + 1 scritto.

Perciò in bocca al lupo! :)

Simone ha detto...

ATNO: crepi!! :)

Simone

Anonimo ha detto...

Un grande in bocca al lupo!!!
Silvia

Simone ha detto...

Crepi!!

Anonimo ha detto...

In bocca al lupo Simone!!!!


Giulia

Simone ha detto...

Poveri lupi che crepano tutti!!! :)

Simone

Anonimo ha detto...

Intanto in bocca al lupo!

D'accordo con te sullo studio delle cose che non ci interessano, sono gli stessi pensieri che ho io in questo momento a Psicologia alle prese con i primi esami.

Ci sono un mucchio di materie inutili che dovrebbero essere al massimo degli esami complementari e che invece devo studiare per forza e non ho nessun interesse.
A me piace studiare la parte clinica e dinamica, e tutto il mio interesse e la mia passione è su quello, quando studiavo psicologia per i fatti miei mi leggevo i libri che volevo io. Lo faccio tutt'ora, mi sono letta degli splendidi libri sugli argomenti che mi interessano e mi chiedo se vale la pensa stare prendere una laurea in Psicologia dove ti obbligano a studiare un mare di teorie accademiche (e zero pratica) o se invece conviene seguire solo la propria passione.
Tu ormai sei alla fine e ti toccano...io invece sono al primo anno e tirerò le somme a settembre, se gli studi universitari si rivelano deludenti potrei prendere altre strade "psicologiche" per coltivare la mia passione.
Ylenia

Simone ha detto...

Grazie Ylenia! Io penso che per fare il medico o lo psicologo serve comunque questa laurea, per cui stringiamo i denti e andiamo avanti fino alla fine :)

Simone

TIM ha detto...

Io ti ucciderei (in senso metaforico!) perché ogni volta che leggo un tuo post... affaticato, come questo, mi viene una voglia matta di (ri)trovare i tempi dell'esame, stretti stretti, mi torna la voglia di rimmettermi in gioco e cominciare di nuovo a studiare, magari quella materia (top secret ma non troppo) che avrei voluto fare e che ci sono andato vicino così tanto dal fare ma non ho fatto. Io, comunque, tifo per te, anche se dei geni mutanti delle neoplasie endocrine multiple non me ne frega niente e, sinceramente, spero di non averci mai a che fare!

Simone ha detto...

TIM: l'uccisione metaforica è un reato metafisico, per cui stai calmo o ti denuncio alla metapolizia!

Cavolate a parte, è bello pensare che qualcuno si senta "incitato" dalle cose che scrivo. O meglio forse bello non è adatto come termine... io penso che se qualcuno ti vede fare una cosa e pensa "vorrei aver fatto qualcosa del genere" vuol dire che quello che fai vale tutto sommato qualcosa.

E insomma un po' mi sento "bene" e un po' mi preoccupo perché è pure una responsabilità, che se oltre a fare una stupidata influenzi pure gli altri allora sì che combini qualche casino! :)

Comunque grazie, e se ci provi a fare quella cosa fammelo sapere che ovviamente farò il tifo.

Simone

acul ommos ha detto...

Da ingegnere a medicina, una mia amica direbbe astuto! Visito questo blog perchè è stato galeotto, da studente hai già curato... due cuori.
Ad maiora

Josh ha detto...

Buona fortuna anche per questa sessione!
Renditi conto del dramma sociale che stai creando: 30enni che rimpiangono di non avere ventordicimila pagine da studiare ed esami da dare!

Simone ha detto...

Acul ommos: galeotto in senso "dantesco"? Non pensavo di arrivare a tanto! :)

Josh: in effetti... beato ME che sto sotto una valanga di esami allora, grazie! :)

Simone

Dama Arwen ha detto...

Magari è anche colpa di questo maledetto inverno!
In bocca al lupo x giovedì (visto che leggo solo oggi!)

Simone ha detto...

Dama: crepi!!!

Simone