30/12/10

Il mio duemiladieci.

Quest'anno sta per finire, e io sono soddisfatto: soddisfatto di come è andata l'università, soddisfatto della mia vita e dei rapporti interpersonali, e soddisfatto di tante altre cose.

Dal lato dello studio, in questi 12 mesi ho dato tutti gli esami del secondo anno di medicina. Tutto sommato è stato pesante e impegnativo: un po' per lo stress (alzarsi prestissimo e stare 6 ore in attesa di un'interrogazione è devastante adesso come lo era 15 anni fa). Un po' per il carico di studio che era - per come la vedo io - eccessivo rispetto al tempo che ci è stato dato per imparare tutte quelle cose.

Questo 2010 me lo ricorderò come l'anno in cui ho passato l'estate sui libri mentre gli amici andavano al mare. Come l'anno che ho declinato chissà quante cene e serate per ripetere un po' più di Biochimica e Anatomia. L'anno in cui fine settimana voleva dire principalmente studio tutto il giorno fino a notte inoltrata piuttosto che dormire, uscire e divertirsi.

Ma alla fine mi è anche piaciuto. Mi è piaciuto entrare in reparto pensando che i miei esami di base li avevo dati, e tutto sommato aveva senso che mi trovassi lì. E anche tornare presto da una cena con gli amici per studiare un po' prima di andare a letto è più gratificante di fare le ore piccole in qualche locale. C'è quella sensazione di combinare qualcosa di utile che - effettivamente - in altre attività un po' manca.

Però per l'anno prossimo spero di studiare di meno, poco ma sicuro! ^^

L'aspetto scrittura è quello che quest'anno si è incrinato di più. Non che questo sia necessariamente un male: ho smesso di scrivere storie che - evidentemente, visti i risultati - non interessavano a nessuno, mentre ho iniziato a scrivere per spiegare quello che faccio, per dare consigli, e per comunicare.

Leggere messaggi di persone che mi scrivono per dirmi come la mia esperienza di studente anziano li abbia incoraggiati in determinate scelte o in un determinato momento è sicuramente gratificante, e mi fa capire che tutto sommato il tempo sui libri e sul blog non è stato tutto sprecato. Nell'ottica poi di una vita e di un lavoro futuro indirizzato verso un qualcosa di analogo credo di stare sulla strada giusta... anche se cambiare rotta non è stato facile e alle volte mi sento ancora un po' sperduto e un po' isolato.

Con la Croce Rossa invece sono in un momento di transizione, e credo che il mio rapporto con il volontariato sia destinato a cambiare: quest'anno ho continuato a seguire l'aspetto dei corsi di rianimazione, ma ho fatto decisamente pochi turni in ambulanza. Un po' perché è un'attività che mi interessa meno, e un po' perché è effettivamente un impegno che insieme a tante cose inizia a pesarmi. Dico sempre che vorrei provare a fare dei turni in pronto soccorso così da avere un contatto di tipo diverso con i pazienti, ma poi non lo faccio mai... magari nel 2011 sarà la volta buona.

Resta da dire qualcosa sulla musica, che tra l'altro fino all'anno scorso nemmeno c'era. Mi piace suonare la batteria. Mi piace suonare col mio gruppetto di amici, e mi piacerebbe suonare meglio e magari qualche brano anche scritto da me. Ma qui davvero di anni ancora ce ne vogliono... e vedremo che succede nel 2011.

Ok, credo di aver scritto troppo. Sicuramente tante cose potevano andare meglio, ma tutto sommato posso catalogare questo 2010 come anno faticoso ma produttivo non tanto come risultati ottenuti, ma come possibilità future che ho visto aprirsi. Mi sembra quasi di essere ringiovanito, come se di colpo avessi chissà quante strade libere davanti a me, e chissà quante possibilità.

Ora non resta che fare qualche progetto per l'anno che deve venire... ma di quelli magari ne parliamo tra qualche giorno.

Simone

11 commenti:

Ariano Geta ha detto...

Beh, sicuramente quello che fai come volontario e futuro medico (almeno te lo auguro ;-) ha un grande valore.
Che il 2011 ti permetta di continuare questa strada con soddisfazione.

Mirco ha detto...

Dopo aver visto Report ho cambiato idea sulla Cri, non sui volontari, poracci. ^^'
Hai deciso in cosa ti specializzerai?

Buon anno!

Simone ha detto...

Ariano: grazie, sei troppo gentile!

Mirco: in Croce Rossa io ho rapporti solo con gli altri volontari. Comunque alcune cose mi pare stiano migliorando, speriamo non si fermi tutto a metà strada.

La specializzazione mi piacerebbe in medicina interna, o comunque in un settore che mi consenta di fare il medico "di famiglia"... ma intendo non quello dove vai a farti il certificato per la palestra ma quello di cui ti fidi e lo chiami la notte se hai i ragazzini che vomitano. Insomma il dottore "classico", se mai si possa ancora fare.

Simone

Corrado Allegro ha detto...

Ciao Simone,

ho letto con attenzione un po' in giro per il web le tue vicende letterarie e così di sito in sito, di blog in blog, sono saltato fin qui dove trovo un post di due giorni, quindi recentissimo.

Ti ho inseguito in questo cyberviaggio perché la tua storia si ripete ogni giorno per migliaia e migliaia di scrittori che, pur avendo talento, restano inascoltati perchè non hanno un nome conosciuto.

Partecipa al nuovo progetto esposto su www.webalice.it/corrado-allegro e cioè " La vetrina dello scrittore esordiente " e chissà che uno dei tuoi romanzi, dati per spacciati da chi non ti ha meritato, possa ricevere il giusto riconoscimento.

Vieni a vedere cosa succede, forse la voglia di scrivere ritorna ...

Ti aspettiamo.

Anonimo ha detto...

FELICE ANNO NUOVO!
studia ma con molta calma! Tanto non hai fretta, giusto? :)
felice 2011!

Dama Arwen ha detto...

Che bel post! Mi ha regalato un sorriso e messo di buonumore ^^ (in realtà non ero di malumore prima di leggerlo ma tant'è)

I tuoi bilanci sono positivi ti ammiro per la tua forza d'animo e per la tua capacità di rinnovarti.

Sono stata un po' assente dal tuo (a da altri) blog a causa del lavoro ma son contenta di leggere queste cose.

Io in questo 2010 ho scoperto l'acqua calda... che il tempo è la cosa più preziosa e casa (come valore) che abbiamo. Collegando questo al tuo lato "scrittore" per me è stata solo mancanza di tempo non riuscire a leggere nulla in questi ultimi mesi. E dico in genrale, dei miei libri lasciati a metà, dei manga e dei racconti (anche tuoi) scaricati da internet.

Il mio proposito sarà di riappropriami di un po' di tempo x queste cose nel 2011.

Un abbraccio grande! ^_^

TIM ha detto...

Sono contento del giudizio positivo che dai del tuo 2010. Penso che sarà anche uno stimolo in più per questo nuovo anno. Qualunque sia la 'strada letteraria' che prenderai (ancora racconti, solo cronaca o altro) continuerò a seguirti, percHè mi piace come scrivi e soprattutto le cose che affronti e come lo fai.
Temistocle

Simone ha detto...

Dama: grazie, il tempo è davvero prezioso e già il tuo commento mi fa davvero piacere. Buon anno!

Tim: anche la tua presenza è uno stimolo per me, grazie!

Simone

CyberLuke ha detto...

Mi fa piacere sapere che il tuo 2010 è stato buono.
Se non altro, un paio di volte siamo riusciti pure a vederci: poteva andare peggio. ;)

Simone ha detto...

Cyber: vero. E cerchiamo di rivederci anche nel 2011! ^^

Simone

Anonimo ha detto...

Thanks for some quality points there. I am kind of new to online , so I printed this off to put in my file, any better way to go about keeping track of it then printing?