13/02/13

Entrare a Medicina: e se dopo non sono all'altezza? Il dubbio di Erica.

È il meglio che ho trovato su Wikipedia.
Ciao Simone!

Più volte capita di ritrovarmi sul tuo blog . Ci arrivo sempre quando cerco su Google risultati alla domanda “medicina come seconda laurea” (e simili), nei miei momenti di “rimorso”.

Rientro nel gruppo di persone che ha intrapreso un altro percorso di studi (lingue straniere con profilo economico) ma che di continuo prova il rimorso di non aver tentato al momento giusto (ossia ormai 3 anni fa) il test d’ammissione a Medicina.

Ho rimandato per tutto il quinto anno la decisione riguardante la scelta universitaria, per poi pensare di ripiegare su questo corso da me scelto (perché “si trova lavoro”). Va be’, che poi ho scoperto che le materie economiche neanche mi piacciono…

A luglio 2010 ho iniziato a frequentare (e tuttora frequento) assiduamente l’ambiente ospedaliero per motivi gravi di salute di mia mamma. È così che ho iniziato a prendere in considerazione per la prima volta la facoltà di Medicina. Solo che quando ho capito che mi sarebbe piaciuto fare il test mancavano poco più di due settimane, io avevo nel frattempo fatto tabula rasa dell’intero programma del liceo, i test passati mi sembravano difficilissimi e quindi non ho provato.

Questo rimorso riaffiora di tanto in tanto. Cerco di non pensarci, cerco di concentrarmi solo sui miei esami ma poi ogni tanto lui riaffiora accompagnato dalla mia insoddisfazione per il mio attuale corso e per il lavoro che mi porterà a fare.

La tua esperienza mi dà un po’ di speranza, allora qualcuno che prova dopo un’altra laurea c’è…

E magari - è solo un’idea - l'anno prossimo, dopo la tesi (visto che ormai ha senso che io finisca, che mi piaccia o no quello che studio) potrei provare il test! Così facendo, potrei finalmente dire di AVERCI PROVATO! E via il rimorso.

Mettiamo caso che con un’adeguata preparazione dovessi entrare, DOVESSI…

Tanti, anzi direi tantissimi sarebbero gli ostacoli, tra questi, quelli di natura economica (non posso certo chiedere ai miei di sostenermi nuovamente in questo percorso).

Ciò che mi spaventa di più e che mi spaventava anche tre anni fa è la possibilità che io non sia adatta a tale facoltà, che abbia problemi con le materie (al liceo ero “bravina” nella materie scientifiche, ma non un genio) che non abbia il giusto metodo di studio o comunque non sia abituata a quella mole di studio. E se poi non riesco ad avere voti alti? Insomma attualmente non ho un media brillantissima e frequento una facoltà di gran lunga più semplice.

E se non dovessi avere neanche una memoria sufficiente (e si sa come sia importante in un corso come medicina ricordare tutto quel che si è imparato)?

Ok, magari mi manca anche un po’ di fiducia in me stessa o forse sono solo consapevole di alcuni miei limiti

Questi i dubbi e le paure che mi assillano. Potresti darmi delle dritte, opinioni?

Erica

14 commenti:

Sally ha detto...

Se il tuoi dubbi sono davvero quelli che esponi allora non preoccuparti. Non serve essere intelligenti per fare lo studente di medicina (ma per fare il medico di intelligenza né serve a palate, da qui l'inadeguatezza dei corsi) ma tanta tanta tanta perseveranza. Il problema dell'età vale 0, a meno ch tu non sia diciamo over 30, in tal caso ci penserei qualche volta in piu.

Vincenzo di pietro ha detto...

sono uno studente di medicina, ho tanti colleghi che frequentano con me e hanno già una laurea o hanno provato in tarda età! alcuni hanno 25 anni, altri 30, ce ne sono due che ne hanno più di 40. l'età non conta, se vuoi fare medicina buttati a capofitto perché negli ospedali c'è proprio bisogno di persone che fanno i medici per passione e non per il solo stipendio!

Simone ha detto...

Sally: sì, anche in privato ho spiegato a Erica che a Medicina di matematica non c'è proprio niente... ;)

Vincenzo: 25 anni non è proprio uguale a 40... comunque è quello che dico sempre anche io!

Simone

Anonimo ha detto...

Sono un collega di Simone, anche anagraficamente.
a)se alla tua età ti fai problemi per l'età io starei fresco.
b)per fare medicina proprio non c'è bisogno di essere geni, non è fisica o ingegneria.
c)nessuno sarà mai adeguato di fronte al dramma umano.
d)fai medicina, perchè è la facoltà più bella del mondo.
e)quando sarai medico allora dovrai essere intelligente e umano, ma questo è un problema che adesso non ti interessa.
Nando

Anonimo ha detto...

Io dico a Erica solo questo, ovvero di cominciare seriamente a studiare per il test...ho appena scoperto il fantastico avviso del Miur di oggi 14 febbraio che fissa al 23 luglio la data dell'esame di ammissione...
Io non ho parole!
Sento anche puzza di altre novità..
Secondo me per il reclutamento delle nuove matricole ricaccieranno fuori qualche cazzata di gelminiana memoria (punteggio di maturità ecc....)
Mi auguro di no, ma boh non sto tranquilla.

Simone ha detto...

Nando: be' manco a Ingegneria serviva tutto 'sto genio in realtà! :) Per il resto concordo su tutto.

Anonimo: i voti del liceo come bonus per il test non erano un'idea della Gelmini ma del governo ancora precedente (me lo ricordo perché stavo per rientrarci io!). Speriamo non si inventino altre cosa strane, e in bocca al lupo!

Simone

Erica ha detto...

Ciao a tutti e grazie per le vostre risposte!
Allora, come già detto, sono al terzo anno di lingue e a questo punto ( forse) mi converrebbe finire, che mi piaccia o no. E prevedo, visti gli esami tutti annuali, che prima di dicembre non si riesca proprio. Per il test ci vuole preparazione, non posso andar lì allo sbaraglio e, ancora in ballo con i miei esami attuali, tesi, lavoro non so se ce la farei. Ce ne sono di persone che fanno e rifanno il test e nonostante la preparazione non lo passano. Ripeto, io non sono diversa dagli altri, non sono un genio quindi ho bisogno anche io dei miei tempi...l'anno prossimo (2014)? forse? Sono molto confusa, non so neanche io..Comunque sia, un gran in bocca al lupo per tutto a chi sa già di certo che proverà il test, agli studenti di medicina e a coloro che sono già medici!
Erica

Simone ha detto...

Erica: come ti dicevo tu magari il prossimo test in ogni caso provalo, così vedi come funziona!

Simone

Marco ha detto...

Ciao Erica...e ciao anche a te Simone! Non passa ormai giorno senza venire da queste parti a leggere delle tue peripezie, ammiro il tuo coraggio ed allo stesso tempo cresce in me il rammarico per non aver deciso a suo tempo di intraprendere quella dura, tortuosa e difficile strada della medicina. La passione per questo mondo mi é nata già dai primi anni di liceo ma, dopo gli esami di stato, l'immaturitá e la scarsa consapevolezza di ciò che volessi fare "da grande" mi ha portato da tutt'altra parte (ingegneria meccanica) con scarsissimi risultati tant'è che, dopo 3 anni e solo 6 esami del primo all'attivo, ho abbandonato per lavoricchiare ed inseguire almeno una piccola indipendenza economica!!!
A 27 anni ho sentito di nuovo quella vocina nella testa, ma ancora una volta mi é mancato il coraggio, così ho provato per tecnico di radiologia classificandomi tra i primi 10 e dopo un anno ho tentato la più ardua impresa di entrare a fisioterapia( 2000 concorrenti per 116 posti) riuscendo ad entrare anche qui! Ora, alla soglia dei 30 anni, sono iscritto al secondo anno di fisioterapia...gli esami vanno discretamente anche se l'esigenza di dover lavorare per mantenermi( seppur ormai limitata a brevi periodi dell'anno) mi frena e rende difficile a volte conciliare lezioni, tirocinio ed esami ma il tutto non mi dispiace; resta però quel grande rammarico per non aver nemmeno provato quel "maledetto test di medicina" ed ora che ho saputo di quel 23 luglio 2013 mi ritorna in testa quel martello pneumatico chiamato "rimpianto"...ma come si fa a 30 anni a buttarsi in un'avventura simile senza alcuna garanzia e con la certezza di non avere grossi margini economici per autosostentarsi da qui ai prossimi 6-7 anni? Ora la ragazza ce l'avrei anche e mi ha sempre appoggiato in ogni mia scelta ma a quest'età é anche lecito pensare a voler metter su famiglia e, da universitario perenne quale sarei, certi progetti lasciano il tempo che trovano...

Simone ha detto...

Marco: sì, dici tante cose giustissime... che posso aggiungere? Io ho fatto un percorso diverso dal tuo (laurea prestissimo, professione e poi "retromarcia" tutta di un botto) per cui è difficile trovare tanti parallelismi su cui confrontarsi.

Quello che mi domando è: ma tu che vorresti fare? Così con tutti questi cambiamenti sembri davvero molto indeciso, dovresti chiarire le idee e poi dopo provare a realizzare quello che cerchi... ovviamente secondo me :)

Simone

Erica ha detto...

Ciao Marco! Ti capisco e con te condivido sia questo “ rammarico” ma anche i tanti “se e ma” che non permettono una scelta a cuor leggero. In primis la questione economica. Come tu stesso dici, studenti di medicina non sono autonomi economicamente e non lo sono per sei anni. Io non so i tuoi genitori, ma i miei hanno già fatto molta fatica a permettermi il percorso attuale; con che coraggio posso chiedere loro di sostenermi per altri sei anni ?. Quindi o vinco all’Enalotto…scherzi a parte.
Secondo me devi chiarirti le idee. Insomma.. prima hai fatto il test per tecnico di laboratorio, poi fisioterapia e ora sei al secondo anno. Ci sarà stato un motivo che ti ha portato a scegliere fisioterapia? Io, fossi in te, finirei questo percorso, a questo punto. Sei a metà strada! Poi vedrai..uno o due anni non fanno la differenza, no?
Poi come dico anche a me stessa: “so cosa lascio ma non so cosa trovo”. Prendi questa laurea e poi prova medicina, se sarai ancora interessato. Ma se poi non dovessi passar il test o che ne so io, dovessi capir che medicina non è per te, avresti comunque la tua laurea in fisioterapia!.

In bocca al lupo.

Erica

Erica ha detto...

PS.: ragazzi, ho appena dato un’occhiata al sito del Ministero…23 luglio 2013 test di ammissione per medicina, mentre per il 2014 è GIA’ stato fissato ad A-P-R-I-L-E. MA PERCHE’!?!?Perchè ad aprile?
Io che pensavo:"ma si mi laureo a decembre e poi mi inizio a preparare con calma...ne ho di tempo"...me l'hanno detto!!

Simone ha detto...

Erica: qualcuno aveva già detto di questa novità del test anticipato... addirittura ad Aprile!

Mi sembra un po' una cattiveria per gli studenti che devono anche prepararsi per la maturità, però credo che organizzandosi per tempo si può riuscire a essere comunque preparati. Poi se uno sta anche frequentando un'altra facoltà certo è un problema anche perché potrebbero chiedere di iscriversi con largo anticipo, rovinando un po' i piani di chi voleva prima laurearsi.

Non so che dire, spero che in qualche modo chi ci tiene davvero riuscirà a superare anche quest'altro "impiccio".

Simone

Marco ha detto...

Hai ragione Erica, in realtá ora vorrei finire fisioterapia e poi magari vedere se sarà il caso di provare!!
@Simone: hai ragione per quanto riguarda l'indecisione...la consapevolezza di voler fare medicina seriamente é maturata troppo tardi e con essa anche la paura di non voler rischiare troppo alla mia etá. Ora bado molto più all'atto pratico, a voler finire di studiare quanto prima per poi inserirmi nel mondo del lavoro...medicina resta un sogno ma vorrei avere prima la certezza di una laurea in mano, non so se alla mia etá avrei la determinazione necessaria e la testa per portare a termine un percorso così lungo.