09/02/13

Il tunnel davanti alla luce.

E alla fine del tunnel, hai preso la laurea sbagliata.
Buone notizie, anzi buonissime... che poi sono sostanzialmente una: ho (ri)dato Medicina e Chirurgia 1, ma a differenza della volta scorsa questa volta sono andato in maniera semi-decente, e non mi hanno bocciato nemmeno.

E così sì è rapidamente allontanato lo spettro di una nuova gastroenterologia (o di una nuova meccanica razionale, per fare il parallelo con Ingegneria) che proprio in questo stesso periodo dello scorso anno mi aveva fatto veramente penare. Medicina e Chirurgia 1 invece tutto sommato era anche semplice e sono solo un po' di coccio io, ma alla fine insomma stava iniziando a diventare un mezzo incubo e meno male che me la sono levata.

Notizia buona porta altra notizia buona (proverbio che ho appena inventato di sana pianta) e se mi faccio semplicemente due conti l'altra notizia qui di seguito seguente è questa: ho fatto tutti gli esami dei primi quattro anni di medicina, più due del quinto. E da un punto di vista puramente e inutilmente burocratico, tutto ciò vuol dire che ho le carte in regola già da adesso per iscrivermi al sesto anno quando sarà il momento, a settembre 2013.

E lo so che è una specie di pippa mentale da ex-ingegnere fissato coi conti, però se è vero che potrei già teoricamente iscrivermi al sesto anno di medicina, e che a medicina gli anni totali sono sempre e fortunatamente "solo" sei... insomma da un punto di vista puramente delle carte da consegnare in segreteria sono arrivato all'ultimo anno di università, non ho più alcun tipo di vincolo di iscrizione e crediti e propedeuticità varie, e nel prossimo futuro non dovrò fare nient'altro (si fa per dire) che andare a fare gli esami che restano financo poi a discutere la tesi e a prendere infine questa benedetta cavolo di seconda laurea del piffero.

E so anche che è un po' anche questa una roba troppo razionale per dargli effettivamente tutto questo valore, e che poi sono le cose che uno si gufa da solo e sarebbe ben più saggio starsene zitti (o l'equivalente di "stare zitto" per un qualcosa che uno non dice a parole ma scrive piuttosto su un blog... se mai esisterà un termine adatto). Però vabbe': se arrivo al sesto anno penso che a questo punto ci sono decenti possibilità che finisca che poi alla fine mi laureo pure, o no?

Perciò insomma ecco: un esame che poteva diventare un incubo ma invece no, e una blanda sensazione di sollievo e speranza nel vedere che la catasta infinita di libri giganti e dai titoli spaventosi che dovevo affrontare inizia - piano piano - a diradarsi.

Sottolineo e risottolineo piano piano, perché con questa storia folle che al quinto anno di medicina ci stanno da fare 10 esami, dopo tutta la fatica fatta in questa sessione mi manca ancora da sgobbare un bel po': nei prossimi giorni infatti mi tocca ancora fare l'esame di Inglese - che vabbe', non sarà questa fatica ma è sempre un esame da fare - e pochi giorni dopo c'è anche Diagnostica per immagini che invece pare che sia tosto tosto, e a oggi in data 9 Febbraio o quanti ne abbiamo io non so ancora niente niente. A parte certo le cose su TAC e raggi X che vedo sempre in reparto, ma che mi ci gioco quello che vi pare che per l'esame non serviranno a un benché minimo nulla.

Infine - perché la fine come vedete non arriva mai - ci stanno pure due esoneri di Farmacologia che devo ancora dare, ma questi ormai slitteranno a Marzo o Aprile o a quando sarà durante le lezioni, che di farli adesso non c'è proprio umanamente il tempo e nemmeno - sarò sincero - la benché minima voglia da parte mia.

Ultima notizia, ma non so questa se è buona o cattiva o forse semplicemente media: Lunedì c'è una riunione degli studenti del mio reparto coi professori, e probabilmente mi daranno il titolo della tesi oppure se ne inizierà per lo meno a parlare. Un altro passetto avanti insomma, e tanto altro lavoro che però prima o poi mi toccherà pure in qualche modo affrontare... visto che a parte qualche particolare caso fortunato che si riscontra in letteratura, in genere la tesi di laurea non si compila da sola ma tocca compilarsela agli studenti.

Ma per questo - almeno spero - c'è ancora un po' di tempo.

Simone

14 commenti:

Ariano Geta ha detto...

Beh, quando il traguardo si avvicina capita, paradossalmente, di avere una sensazione quasi di stanchezza.
Io all'epoca della tesi di laurea (tutti gli esami già fatti) andai in esaurimento nervoso e scrissi la tesi quasi per forza d'inerzia.
Poi il giorno della discussione ho visto la luce :-)

Simone ha detto...

È vero Ariano, anche io quando ho discusso la tesi ero veramente esaurito! Speriamo al secondo giro vada meglio! :)

Simone

TIM ha detto...

saprai sicuramente che ci sono anche i gosthwriter per le tesi di laurea! basta averci un po' di svanziche ed è fatto! Io penso di aver fatto la tesi più striminzita e deludente di tutta la storia della mia facoltà: appena il numero minimo di pagine ammesso e sfruttando ogni minima virgola. Anch'io ero arrivato a quel fatidico traguardo pieno di belle speranze, ma quando cominciai a prendere carta e penna il cielo si chiuse e non riuscivo a capire neanche quale sarebbe stata effettivamente la mia "tesi" sull'argomento. Alla fine il 30 (la votazione era in 30simi) arrivò più che altro per il mio curriculum e la lode mancò solo perché avevo utilizzato una traduzione della Bibbia non molto accetta. Ma la tesi faceva proprio pietà!

Dama Arwen ha detto...

Ti immagino come un carcerato che segna le barrette sul muro e conta i giorni prima di uscire di galera :-P

Che male c'è ad essere un po' coi conti in mano? Sapere che non sei fuoricorso farebbe tirare anche a me un grosso sospiro di sollievo!
E poi, se non ti laurei, giuro che vengo a prenderti a calci nel sedere fino a Roma! è_é
Dopo tutta l'ansia che mi dà quando leggo l'andanmento degli esami!!!! ARGH

Simone ha detto...

Tim: anche la mia tesi ha fatto cagare (parola del mio relatore). Speriamo che la seconda volta vada meglio! :)

Dama: ecco, ora pure lo stress di te che mi meni ci devo avere?! Ahaha non ne uscirò mai!!! :)

Anonimo ha detto...

Buongiorno, sono un medico prossimo al pensionamento,con due passioni: il mare e lo studio della medicina tanto che avrei voluto chiamare la mia barca Virchow,uomo dall'ingegno straordinario. Mesi fa in questo blogger ho ri-incontrato una ragazza, Emma, che aveva il suo blogger, anche lei velista ma non si è più vista al porto, il blogger è stato chiuso, è al terzo anno di medicina, se qualcuno la conosce accertatevi che stia bene. L' empatia non si apprende nel corso di studio, ma vivendo e l'augurio che faccio a tutti voi non è di essere bravi medici,ma di essere sempre brave persone.
Meltemi

Simone ha detto...

Meltemi: mi ricordo di Emma... purtroppo non la conosco di persona e non saprei come avere sue notizie. Se frequenti posti che frequenta anche lei (parli di un porto e di barche a vela) forse sarebbe più semplice chiedere notizie da quelle parti a chi magari ha più occasioni di incontrarla.

Credo comunque che il suo blog avesse una sorta di "funzione", e nel momento in cui non ne ha più avuto bisogno magari l'ha semplicemente abbandonato.

In caso facci sapere, grazie!

Simone

Anonimo ha detto...

http://attiministeriali.miur.it/anno-2013/febbraio/av-14022013.aspx

Ecco il link miur

Anonimo ha detto...

Ah dimenticavo: nel 2014 il test ci sarà ad aprile!!!!!!!!!!!
e non mi sto riferendo a università private (chiaramente)

Simone ha detto...

Ma perché zompi da un post all'altro?! :) Io nel 2014 mi laureooooo!!!!!!!! :)))))

Simone

Anonimo ha detto...

Perché me so sbagliata scusa!! Lo so che a te questa cosa dell'ammissione non interessa (ovviamente)

..era per le persone come erica..

Simone ha detto...

Anonimo: certo... comunque per molti versi può essere un vantaggio: ad aprile o anche a luglio chi non si è preparato per il test non sa davvero niente e ci sarà più differenza tra chi ha studiato sempre e chi no.

Simone

emma ha detto...

Meltemi: :)

Simone ha detto...

Emma meno male che sei passata, un abbraccio :)

Simone