21/10/10

Seconda laurea in Medicina: il terzo anno, i tirocini, e il ritorno della Microbiologia.

Ora che il terzo anno di Medicina è iniziato da un po', e ho le idee un po' più chiare riguardo a quello che mi aspetta nei prossimi mesi, torno a parlarvi della mia carriera da studente universitario trenta-e-rotti-enne.

Intanto, cosa importante, sono iniziati i tirocini: da adesso fino alla fine dell'anno (ma penso anche fino alla laurea, e oltre) il giovedì mattina andiamo in ospedale, per cui niente aule e lezioni ma camice e ambiente ospedaliero. Nella pratica non è che si faccia poi chissà cosa: per ora ci hanno fatto vedere qualche paziente, o provare (su di noi!) i primi rudimenti di semeiotica (sarebbe come si visita una persona... credo). Ancora, ci hanno fatto ripetere un po' tutte le arterie, e poi abbiamo provato a riconoscerle sulle lastre relative a qualche esame. Più avanti ci porteranno a visitare un laboratorio di microbiologia, il museo di anatomia patologica e - insomma - altre cose del genere.

Tutto sommato, non è che poi di pratico si faccia ancora così tanto: probabilmente è un inizio un po' soft in attesa di qualcosa di più impegnativo, magari nei prossimi anni. Come sempre, aspettiamo e vedremo.

Quello che mi pare evidente - anche se poi sarà da confermare quando mi metterò sui libri - è che il carico di studio è leggermente calato. Lo scorso semestre avevo Biochimica, Fisiologia e Microbiologia (che tra l'altro devo dare di nuovo ^^) con Anatomia 3 che mi era rimasta sul groppone dal semestre ancora prima. Adesso abbiamo Immunologia e Patologia generale che non è che siano brevi e semplici, ma tutto sommato mi sembrano un po' meno pesanti anche perché si basano su cose che - bene o male - un pochino già conosco. Poi avere un giorno a settimana in cui si va in ospedale e non si segue alleggerisce anche il carico di ore passate seduti a lezione, e anche questo si sente.

Riguardo alle materie, Patologia mi piace molto ma sembra l'ennesimo mattone enorme, e un po' mi preoccupa. Immunologia non è che mi faccia impazzire, ma mi dà l'idea che poi a prepararla non ci vorrà tantissimo. Resta poi Metodologia Clinica 2 (almeno credo si chiami così), il corso al quale sono correlati i tirocini e che parla di come visitare un paziente, capire dove sono i problemi e insomma tutto l'aspetto un po' più pratico: in questo caso le lezioni dureranno tutto l'anno e l'esame sarà a Luglio. Per il momento è la materia che mi piace di più, e spero che nel corso dell'anno non mi facciano cambiare idea.

E ok, spero di aver descritto in maniera adeguata la situazione del momento. Per fortuna che ho dato Anatomia e Biochimica, perché se fossi rimasto molto indietro con gli esami ora avrei difficoltà sia nel cercare di rimettermi in pari, sia tutto sommato a capire quello che ci stanno insegnando (o provando a insegnare) adesso. Personalmente, credo che a differenza di quello che accadeva a Ingegneria, a Medicina una volta che resti indietro non riesci più a recuperare: alcuni esami (tutti quelli del secondo) sono veramente troppo grossi, e se non te li togli subito sei praticamente fregato.

Ora a Dicembre c'è un nuovo appello di Microbiologia, e vorrei o meglio dovrei veramente levarmelo adesso, così da concentrarmi sullo studio delle materie del terzo. Mi basterebbe solo trovare un po' di voglia, che adesso e dopo lo studio pesantissimo fino a fine Settembre - sinceramente - latita. Per il momento mi sono imposto di iniziare a studiare sul serio subito dopo la presentazione del libro a Venezia, il 6 Novembre.

Idealmente però sarebbe da iniziare prima, perché poi rischio di far accavallare troppe cose. In realtà qualcosina sto facendo, ma come tutti gli studenti dai 18 anni fino ai 60 la voglia di studiare è inversamente proporzionale al tempo che manca al giorno degli esami...

E, per il momento, Dicembre è ancora lontano.

Simone

1 commento:

TIM ha detto...

Penso che già questo tuo voler condividere con tutti noi che ti seguiamo il tuo percorso sia segno che ce la vuoi (e puoi!!) fare, perché prendi sul serio la cosa e vuoi quasi una spinta in più anche da noi. Poi non so' se mi vorrò far mettere le mani addosso da te, però ... auguri per questo nuovo anno; è un'avventura che ricomincia!
Temistocle